magento-vs-woocommerce

 

All'interno del nostro approfondimento andremo alla scoperta di due piattaforme tra le più usate da tutti gli sviluppatori del mondo, Magento e Woocommerce. Di solito chi ama una odia l'altra (e viceversa) ragion per cui tenteremo di chiarire ogni dubbio in quest'articolo facendo una puntuale comparazione tra Magento e Woocommerce. Scopriamo di più nei prossimi paragrafi. 

Quale scegliere tra Magento e Woocommerce?

Dopo aver già parlato delle differenze di Magento con PrestaShop e Shopify andiamo verificare le differenze conWoocommerce. Due piattaforme radicalmente diverse, che sono in grado di soddisfare altrettanto diverse esigenze. Ecco perché è importante esplorare le singole caratteristiche di questi due preziosi strumenti per chi si occupa di e-commerce: capendo meglio quali funzionalità sono presenti e i pro/contro della singola piattaforma, sarà possibile valutare al meglio quale delle due fa al nostro caso.

Magento: il re dell'e-commerce, i suoi pro e i contro

Fondata dalla software house Varian e lanciata nell'ormai lontano 2008 , Magento è a tutti gli effetti la piattaforma di riferimento per chi si occupa di e-commerce. Magento è disponibile in due versioni: Community ed Enterprise. La prima è open source e gratis e offre inoltre un supporto da parte di tutta la community. La versione Enterprise invece offre un elevato supporto tecnico dello staff Magento ed è pensata per quei retailer che sono in forte crescita e hanno bisogno di offrire diverse funzionalità alla propria base di utenti. Anche se non detiene altissime quote di mercato (circa 250 mila utenti), gli e-commerce realizzati con questa piattaforma sono quelli che garantiscono la revenue maggiore.

Magento è una piattaforma relativamente costosa nell'implementazione. Questo significa che solo grandi aziende possono permettersi di installare Magento. Essa però promette di basare la propria esperienza utente sulle reali esigenze di quest'ultimo. In effetti, Magento permette di rispondere alle esigenze di ogni retailer e per questo vanta una reputazione ottima tra tutti i top e-commerce attivi sul mercato. Gode inoltre di una vasta documentazione disponibile e molti corsi di formazione per chi la installa. Infine, tra i lati positivi va certamente inserito il fatto che Magento è altamente scalabile: è possibile partire su piccola scala e terminare su una scala molto più ampia senza che la piattaforma ne risenta. 

Tra i lati negativi possiamo invece elencare il fatto che Magento richiede delle vaste competenze tecniche e che il supporto per la versione Community sia pressoché nullo da parte dello staff Magento. Inoltre, la versione Enterprise risulta proibitiva per molti business: essa costa infatti 15.000 euro l'anno.

Woocommerce in breve: alcuni numeri

Woocommerce è stata fondata nel 2011, tre anni dopo Magento. Responsabile della creazione, dello sviluppo e della distribuzione di questa piattaforma è WooThemes. Più che una vera e propria piattaforma di e-commerce a se stante, WooCommerce è a tutti gli effetti un plugin di WordPress. Ciò permette agli utenti di sfruttare l'importante community di WordPress. Questo è uno dei fattori che ha contribuito al fatto che WooCommerce, dal momento del lancio sette anni fa, sia arrivato a raggiungere 10 milioni di utenti, ammontando di fatto al 30% del mercato degli e-commerce.


 

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi offerti da WooCommerce? 

Anzitutto, la sua grandissima community di esperti completamente open source, che sono disponibili ad aiutare lo sviluppatore con qualsiasi tipo di problema dovesse insorgere. Proprio per la vasta quantità di utilizzatori che implementano questa piattaforma quotidianamente, online sono reperibili moltissime risorse utili allo sviluppatore che deve installare e personalizzare WooCommerce.

WooCommerce presenta un terzo e grande vantaggio per coloro che non sviluppano siti completamente personalizzati, ma scelgono di appoggiarsi a piattaforme di Content Management System. WooCommerce è completamente integrabile con i siti realizzati in Wordpress, che rappresenta il 50% di tutti i siti che si reggono su di un CMS. Esistono molti temi di WooCommerce, sia gratuiti, sia a pagamento, tra cui è possibile scegliere. Inoltre, ci sono svariati plugin ed estensioni che permettono ai proprietari del sito di estendere e personalizzare al massimo il livello delle funzionalità offerte all'interno del proprio e-commerce.
Ultimo, ma non meno importante, è forse il vantaggio che più interessa gli utenti e quello che ha contribuito al suo successo a livello globale. Installare WooCommerce è completamente gratuito, così come utilizzarlo.

Questo aspetto lo rende perfetto per i piccoli business che non hanno grandissima disponibilità economica e soprattutto hanno pochce conoscenze tecniche per poter poi mantenere il programma. Ora che abbiamo visto i vantaggi offerti dalla piattaforma WooCommerce, è arrivato il momento di prendere in esame quelli che sono i lati negativi dell'adozione di questa piattaforma. Uno dei primi grandi svantaggi è offerto proprio dalla necessità di installare plugin ed estensioni per poter personalizzare al massimo le funzionalità del proprio e-commerce. Questi plugin possono arrivare a costare anche in maniera considerevole, di fatto annullando il vantaggio competitivo offerto dal fatto che WooCommerce di base è gratuito.

Non è un caso affatto remoto, perché la versione base non include molte delle funzionalità avanzate che sono invece disponibili con piattaforme di e-commerce più robuste.
Un altro svantaggio è rappresentato dal fatto che, per poter installare WooCommerce, il sito deve necessariamente essere costruito con WordPress, riducendo così le possibilità di utilizzarlo per chi ha realizzato un sito senza l'ausilio del CMS.
Inoltre, per configurare WooCommerce si richiedono delle competenze non alla portata di chiunque. È quindi sempre necessario rivolgersi a qualcuno con una conoscenza minima.