privacy-2017


Da qualsiasi angolazione lo si veda, il 2016 potrebbe essere stato l'anno peggiore in assoluto in termini di violazioni della privacy on-line.

Cosa ci sarà in serbo per il 2017?

 

Ramsonware Mobile:

Con ransomware si intende un programma dannoso che viene installato in un computer al fine di bloccare l'accesso dell'utente al sistema o ad alcuni file.

Questo blocco viene rimosso quando un utente paga il gestore/creatore del ransomware.

Anche se si prevede che il ransomware, parlando in modo generale, diminuirà di pari passo in base alle nuove tecnologie che verranno create, a livello mobile per quest’anno si prevede un aumento di questo tipo di rischio.

Dal momento in cui gli utenti mobile fanno il backup in cloud, il ransomware avrà lo scopo di rubare le credenziali bancarie degli utenti e prendere i soldi direttamente dai loro conti.

 

Malware:

I produttori di dispositivi mobile spesso includono solo i requisiti minimi, abbreviando il processo di sviluppo e riducendo i costi.

Ciò è particolarmente pericoloso per la privacy, dal momento che funzioni di sicurezza minori significano un più facile accesso backdoor.

Quando un dispositivo è compromesso, un hacker può facilmente superare l'intero sistema di dispositivi interconnessi.

 

Droni:

Amazon e UPS hanno entrambi annunciato che hanno intenzione di consegnare i loro pacchetti a consumo tramite droni.

La possibilità che un hacker potrebbe assumere il controllo del drone ed intercettare il pacchetto non è poi così’ impossibile.

Inoltre le forze dell'ordine stanno utilizzando droni per la sorveglianza che potrebbero essere intercettati.

Maggiore censura:

Quest'anno sono state introdotte leggi molte severe sulla conservazione dei dati (ad esempio nel Regno Unito, Polonia, ecc), così come il blocco di alcuni social media.

Questo porta a limitare la privacy dei cittadini e aumentare la sorveglianza di massa e purtroppo questa potrebbe essere la più grande minaccia per la privacy di tutti.>

Nel Regno Unito è stata recentemente presentata una legge sulla sorveglianza senza precedenti che poteva consentire l'hacking di massa e che poteva portare a massicce violazioni dei dati.

Fortunatamente l’attuale sentenza del tribunale Ue ha dato un duro colpo a questo tentativo, dichiarando le legge illegittima.

Secondo i giudici infatti , la norma consente una conservazione delle comunicazioni elettroniche "generale e indiscriminata" che non è giustificabile in una società democratica.

 

Come proteggere vostra presenza sul web nel 2017

Al fine di proteggere meglio la vostra privacy, è indispensabile rimanere vigili nelle vostre attività on-line.

E’ necessario stare attenti a non cliccare su link sconosciuti inviati via email, non scaricare app dai marketplace non ufficiali, avere sempre password complesse ed essere molto prudenti.

Imparare a conoscere le migliori pratiche in termini privacy Internet è fortemente consigliato.

E' anche altamente raccomandato utilizzare strumenti per tutelare la privacy, come un VPN, che aiuta a nascondere la nostra vera posizione (indirizzo IP) e crittografa tutte le informazioni che vengono trasferite attraverso Internet.

In generale, non c’è alcuna ragione di credere che la privacy globale sarà più tutelata nel 2017 di quanto non sia stata nel 2016, e quindi c’è estremo bisogno di prendere le proprie precauzioni al fine di avere i nostri dati sicuri e privati.