mobile-marketing

 

IL MOBILE MARKETING E LE SOLUZIONI PER L'E-COMMERCE

 L'espressione mobile marketing è ormai entrata di diritto nella parlata quotidiana e nel lessico comune: essa individua tutta una serie di strategie atte a catturare l'attenzione di clienti – o potenziali clienti – che si trovino, ad esempio, in una medesima area geografica o che condividano la passione / l'interesse verso un particolare marchio od un particolare prodotto.Questo testimonia quanto sia importante, anzi – ormai – assolutamente indispensabile, per un'azienda saper fare del mobile marketing la propria strategia vincente: a maggior ragione se si tratta di un'impresa che opera nel mondo dell'E-commerce, ovvero il commercio che si sviluppa e si svolge solo via internet. La percentuale di italiani che utilizzano il proprio smartphone, il proprio iPhone, il proprio tablet, il proprio iPad o infine – e questa è una delle ultimissime frontiere della connessione ad internet – il proprio smartwatch per collegarsi ad internet è davvero elevatissima ed è in costante crescita: non solo la fascia di età dei giovanissimi e dei giovani ma, sorprendentemente, anche persone di fascia d'età molto più adulta utilizzano internet in maniera massiva, specialmente con un dispositivo mobile. Ecco che, quindi, per il mobile marketing in generale e per il mobile marketing collegato all'E-commerce in particolare si aprono nuove ed interessanti prospettive di sviluppo. Se si considera che gli internauti da dispositivo mobile sono appartenenti alle più disparate estrazioni sociali – dall'imprenditore allo studente, dal pensionato al libero professionista passando per la colf e il medico o l'ingegnere o il contabile – si può capire come ci sia a disposizione delle aziende un intero mare tutto da esplorare mediante il mobile marketing che si rivela a tutti gli effetti come la forma più diretta ed efficace per mantenere i contatti coi clienti abituali o per catturarne di nuovi mediante strategie allettanti ed accattivanti.Non si può separare con una cesura netta il web marketing dal mobile marketing: non si può avere la pretesa di rendere incomunicabili questi due mondi, perché si fallirebbe. Il web marketing è come se fosse un grosso insieme – tipo gli insiemi che si studiano alle elementari in matematica – e il mobile marketing ne è un sottoinsieme: quindi va da sé che qualsiasi aspetto che riguardi il mobile marketing, qualsiasi strategia e qualsiasi elaborazione in realtà appartengono anche al contenitore più grosso, il web marketing

 


DIFFERENZA TRA WEB MARKETING E MOBILE MARKETING

Il web marketing si sviluppa quasi completamente su PC fisso oppure su PC portatile. il mobile marketing su tutti i dispositivi mobili che è possibile enumerare: ma questo non vuol dire che se si effettua una ricerca, ad esempio del brand di E-commerce preferito per controllare quali siano le nuove proposte, con uno smartphone e poi la si ripete con il proprio laptop il risultato sia necessariamente diverso. Anzi, è vero il contrario. Solo che la ricerca da smartphone, di solito, è più immediata perché può essere fatta davvero ovunque – ad esempio sui mezzi pubblici, o mentre si è in coda alla posta o mentre si stanno aspettando gli amici fuori dal locale in cui consumare l'aperitivo del venerdì sera; invece per il web marketing è necessaria una postazione PC vera e propria ed una connessione ad internet "istituzionale" - ovvero non basata sul traffico dati come avviene per lo smartphone – anche qualora si stia utilizzando un portatile e non un desktop. Questo, quindi, è utile per comprendere un concetto importante: se una strategia di marketing vuole essere davvero vincente, non può escludere del tutto il web marketing o il mobile marketing; può puntare in maniera privilegiata sull'uno o sull'altro canale comunicativo, ma non può eliminarne totalmente uno a vantaggio dell'altro. Quindi chi si occupa di E-commerce dovrebbe stare attento ad utilizzare entrambi i canali comunicativi, per avere la certezza di raggiungere la più ampia fascia di clienti o di potenziali clienti.Uno dei mezzi non solo più conosciuti ma anche più sfruttati di fare mobile marketing – sia da parte dei siti di E-commerce che da parte di altri brand – è di sicuro quello delle app. Esse, in pratica, sono dei programmi che si scaricano e si installano direttamente sullo smartphone – o su qualsiasi altro dispositivo mobile che le supporti. Sono intuitive, semplicissime da utilizzare e soprattutto immediate: tutto è, per davvero, a portata di dito e non si deve nemmeno fare la "fatica" di passare attraverso un browser. Bastano pochi passaggi e si può navigare in tutta libertà, magari esplorando le ultimissime offerte del proprio sito di E-commerce preferito.

LE APP E IL MOBILE MARKETING

Oltre ad essere semplici ed immediate, le app hanno un notevolissimo vantaggio che chi si appresta a fare mobile marketing non può e non deve sottovalutare: la geolocalizzazione. Infatti la totalità degli utenti che navigano in internet tramite smartphone e fanno utilizzo di app sono geolocalizzabili in pochi istanti – e questo consente di offrire ad una certa fascia di clienti o potenziali clienti offerte e promozioni che siano pertinenti con la loro area geografica di appartenenza.Se si ha intenzione di sfruttare il canale delle app per le proprie strategie di mobile marketing è utile non prescindere anche dall'Aso. L'Aso è l'acronimo dell'espressione inglese App Store Optimization: è, in sostanza, una sorta di "SEO" per le app. Gli store sono degli spazi sconfinati, vastissimi, quindi è utile sapere come far emergere la propria app, come far sì che gli utenti la notino e la scarichino: è utile quindi approfondire il concetto di Aso. Anche se, ovviamente, non è sufficiente: il ranking di un'app dipende non solo da quello ma anche da altri parametri, come ad esempio la valutazione in stelline degli utenti o il numero di utenti che hanno scaricato ed installato una app specifica.

Chi si occupa di E-commerce può creare – o far creare da un professionista – una app dedicata al proprio brand per promuoverlo direttamente. Oppure può avvalersi di un'altra ghiotta possibilità: appoggiarsi ad una app molto scaricata ed utilizzata ed inserire al suo interno i propri banner e le proprie inserzioni, cosicché siano sotto gli occhi degli utenti di quella app specifica. Una app è fondamentale per chi ha un'attività di E-commerce perché crea un canale di vendita diretto, alternativo a quelli tradizionali – ovvero via browser – e soprattutto sfruttabile in tempo reale: se un utente ha bisogno di un prodotto specifico, lo può avere con pochi e semplici tocchi del proprio indice. 




ALTRI MODI DI FARE MOBILE MARKETING

 Non esistono solo le app per il mobile marketing: si possono sfruttare altri canali ed utilizzare altre strategie, come ad esempio quella legata ai Quick Response Code, ovvero i codici QR. Sono delle immagini che possono essere decodificate attraverso il proprio smartphone: sono facilmente fruibili e, cosa davvero importante, vengono catturati solo da persone veramente interessate al prodotto o all'iniziativa che viene sponsorizzata in particolare. Quindi attaverso i QR Code si ha quasi la certezza di raggiungere direttamente non solo la fascia dei clienti già consolidati – e magari interessati al nuovo prodotto – ma anche il bacino dei potenziali clienti che potrebbero essere accattivati proprio dalla consultazione di quanto manifestato e proposito attraverso il codice QR.  Il principio di funzionamento di questi codici è facilissimo: essi vengono posizionati in un punto ben visibile, ad esempio di un manifesto pubblicitario o di una brochure informativa, e l'utente, inquadrandoli e leggendoli tramite il proprio smartphone, viene reindirizzato verso una pagina web che può essere consultata o dalla quale si può già accedere ad opzioni di acquisto, come ad esempio la sottoscrizione di un abbonamento o un acquisto vero e proprio di un oggetto. Quindi questa è una strategia da non sottovalutare per chi gestisce un'impresa di E-commerce, proprio per il grande vantaggio di raggiungere direttamente un target di clienti quasi certi.Un'altra maniera di effettuare ottime campagne di mobile marketing è attraverso il Bluetooth: in questa maniera si dà vita al cosiddetto mobile marketing di prossimità, attraverso la quale si diffondono messaggi promozionali non solo testuali ma anche audio e video che si rivolgono a tutti gli utenti che si trovano in una determinata area in quel momento – a patto che, ovviamente, abbiano attiva la connessione Bluetooth.Infine esiste anche il mobile marketing via SMS e via MMS: è il revival dei cari, vecchi SMS e MMS che così tanto andavano di moda come strumento comunicativo prima dell'avvento delle app di chat. Attraverso questi strumenti un'azienda può accattivarsi clienti nuovi oppure consolidare il proprio rapporto con quelli già acquisiti: nonostante, appunto, la presenza di molte app di messaggistica istantanea, recenti studi hanno dimostrato come gli utenti leggano uno SMS o un MMS in media entro 4 minuti dalla ricezione. Magari "storici" come mezzi di comunicazione, ma non di certo sorpassati. E per questo non sono da sottovalutare!