facebook-metriche

 

Alcuni aspetti per valutare il successo di una Pagina Facebook aziendale

Al giorno d’oggi, i social media sono molto diffusi e le imprese cominciano ad utilizzarli per diffondere l’attività e l’immagine aziendale online. Queste piattaforme sono utili in quanto permettono di farsi conoscere in rete tramite la creazione di una semplice pagina all’interno di social network come Facebook, Pinterest o Twitter. Facebook rappresenta uno dei social media maggiormente conosciuti e permette di valutare e misurare quanto funziona la propria pagina Facebook attraverso una serie di metriche. Recentemente, Facebook ha introdotto un nuovo tipo di metrica, che viene definita con l’espressione “landing page views”: offre ai pubblicitari la possibilità di capire quanti utenti e visitatori la creano dopo aver visualizzato la pubblicità. Secondo Facebook, questo nuovo metodo di misura potrebbe aiutare le aziende ad ottenere un’ottimizzazione e fare in modo di offrire un’esperienza web mobile migliore; l’idea di Facebook è portare un maggior numero di contenuti al suo interno attraverso l’impiego di Canvas e Instant Articles. E’ importante controllare e monitorare queste metriche, azione resa possibile grazie alla presenza di strumenti realizzati appositamente per queste funzioni. Di seguito, presentiamo una breve descrizione di alcune delle metriche che vengono utilizzate in questo ambito. La prima è il tasso di engagement, metrica che viene adottata per misurare e valutare la capacità di creare post e di interagire con il pubblico e i propri utenti; esiste una formula che permette di calcolare questo tasso, la quale corrisponde a: persone che hanno messo “Mi piace”, condiviso, commentato, cliccato sul post / le persone che hanno visto lo stesso post. E’ un indice che permette di rilevare il livello di interesse delle persone collegate rispetto l’azienda, il marchio e l’attività svolta, si può osservare il numero di “Mi piace” o commenti presenti ed eventualmente quanto le persone parlano e discutono riguardo il contenuto pubblicato.L’influenza svolge un ruolo importante in quanto gli utenti prendono in considerazione i cosiddetti “influencers”, che possono avere un certo effetto sui loro comportamenti.“Share of voice” è un’altra metrica da considerare che si può misurare attraverso l’
utilizzo di strumenti come il SocialMention; consente di capire la forza, il successo, il livello di attenzione del marchio aziendale; in questo modo è possibile valutare il funzionamento della strategia di social media marketing e fare un confronto con i propri concorrenti.

L’importanza del numero di “Mi Piace” e le metriche per i video di Facebook

La copertura, o reach, segnala quanto è ampio il pubblico del brand: è una metrica specifica poiché permette di osservare chi vede l’attività e i post pubblicati, includendo anche coloro che non mettono “Mi piace” alla pagina. La copertura dovrebbe essere considerata in combinazione con il volume. Si possono individuare due categorie di reach: reach a pagamento e reach organica: la prima è il numero totale di persone che vedono il contenuto del post attraverso le inserzioni presentate dall’azienda; il secondo indica il numero di utenti che vedono il post nel loro diario, nella pagina aziendale o nella colonna di destra. Oltre a considerare le varie metriche, è essenziale eseguire un controllo della quantità di “Mi Piace” presenti per comprendere il livello degli utenti che seguono la pagina, verificare chi mette “Mi Piace” e in che modo hanno trovato la pagina dell’attività; sono informazioni che si possono trovare nella sezione Insights alla voce “Mi Piace”. E’ possibile inoltre visualizzare le metriche dei video all’interno del social media Facebook; ci sono diversi aspetti che possono essere osservati: le visualizzazioni del video di 3 secondi, cioè il numero di volte in cui viene visualizzato il video per un totale di 3 secondi; il costo per visualizzazione del video in 3 secondi, cioè il costo medio per ogni visualizzazione del video di 3 secondi: il calcolo della metrica avviene considerando l’importo totale speso diviso per le visualizzazioni; le visualizzazioni del video in 10 secondi, cioè il numero di volte in cui il video è stato guardato per il 97% della sua durata; il costo medio per la visualizzazione del video di 10 secondi, cioè l’importo totale speso diviso per le visualizzazioni del video.