guida-google-tag-manager 

I tag manager sono stati creati per risolvere un problema a livello aziendale.

Quando qualcuno del reparto marketing vuole installare qualcosa di semplice come un pixel di Facebook  su una pagina, deve creare un ticket e consegnare tutto al reparto tecnico. Ed in genere, non è mai una cosa veloce.

I tag manager sono stati creati per offrire al team di marketing un modo per aggiornare il proprio sito e, allo stesso tempo, alleggerire il team tecnico per concentrarsi su progetti più importanti .

Pensa a un tag manager come a una "dashboard" creata per gli operatori di marketing in modo che possano realizzare qualsiasi cosa relativa al monitoraggio dei loro risultati di marketing.

Nel 2012, Google ha annunciato il proprio gestore di tag e da allora "Google Tag Manager" è cresciuto sia negli utenti che nelle funzionalità.

Immagina di essere in grado di vedere letteralmente ogni singolo clic che accade sul tuo sito.


Il "perché" di Google Tag Manager

Questo è semplice: Google Tag Manager ti offre, come marketer, un nuovo livello di capacità di tracciamento.

Una volta che sai come farlo, GTM semplifica l'inserimento di pixel e gli script di tracciamento sul tuo sito, inoltre sarai in grado di personalizzare completamente i dati che vengono segnalati a Google Analytics (in modo da ottenere informazioni migliori).

GTM ti consente di bypassare il tuo sviluppatore e rende più facile taggare le azioni specifiche dei tuoi visitatori.

Come ogni nuovo strumento, c'è una curva di apprendimento. Ma alla fine, GTM ti farà risparmiare un sacco di tempo.

Il "come" di Google Tag Manager: tag e trigger

Ci sono due parti principali in GTM:

  • Tag : comunichi a GTM cosa vuoi che faccia. Ad esempio, "Invia una visualizzazione di pagina a Google Analytics."

  • Trigger : indica a GTM quando vuoi che venga attivato un tag. Ad esempio, "Ogni volta che qualcuno visita una pagina".

Prima di vedere come queste parti lavorano insieme, creiamo prima un account.

Fortunatamente, questo processo è abbastanza semplice. Visita la pagina di Google Tag Manager e accedi. Segui i passaggi per creare il tuo primo account e ti verrà chiesto di impostare un "contenitore".

In genere, creerai un contenitore per ciascun sito web che desideri monitorare.

Una volta creato il tuo account e il tuo primo contenitore, GTM ti fornirà 2 snippet di codice uno da installare in header e uno subito dopo l’apertura del tag body.

Se utilizzi un sito WordPress, puoi anche utilizzare un plug-in come il plug-in Google Tag Manager di DuracellTomi .

Facciamo una prova:

Vogliamo dire a Google Tag Manager che venga segnalata una visualizzazione Pagina a Google Analytics ogni volta che qualcuno visita una delle nostre pagine.

Ecco come impostarlo ...

Passo 1: crea un nuovo tag

Crea un nuovo tag facendo clic su "Tag" nel menu a sinistra e quindi su "Nuovo".

Google Tag Manager vorrà quindi sapere per quale tipo di prodotto desideri creare un tag. Fortunatamente, Google Analytics è profondamente integrato con GTM.

Approfittiamo di questa integrazione selezionando "Google Analytics".

Passo 2: Scegli la tua analisi

GTM ti chiederà se desideri utilizzare Universal o Classic Analytics. Ti consigliamo di utilizzare Universal Analytics. È selezionato per impostazione predefinita ed è la versione più recente di GA.

Dopo aver fatto clic su "Continua", è necessario fornire a GTM alcune informazioni su dove inviare le informazioni sulla visualizzazione della pagina.

Passo 3: configura il tuo tag

In questo caso, dovremo digitare il nostro ID proprietà.

Passo 4: Definisci il tuo trigger

Dopo aver fatto clic su "Continua", sarà necessario definire il trigger. Ricorda, il "trigger" è il modo in cui diciamo a GTM quando deve attivare questo particolare tag.

In questo caso, vogliamo che segnali le visualizzazioni di pagina ogni volta che qualcuno visita una pagina, quindi selezioneremo "Tutte le pagine" dall'elenco di trigger incorporati elencati.


Passo 5: Crea e rinomina il tuo tag

Una volta selezionato "Tutte le pagine", faremo clic su "Crea tag".

Google Tag Manager ci chiederà un nome per il nostro nuovo Tag. Lo chiameremo "GA - Visualizzazione della pagina".

Una volta che il nostro tag è stato nominato, abbiamo solo un ultimo passaggio da completare ...


Passo 6: Pubblica il tuo tag

Google Tag Manager non trasmetterà istantaneamente le modifiche in tempo reale. Invece, proprio come quando crei un post WordPress, dovrai "Pubblicare" le tue modifiche prima che diventino live.

Nell'angolo in alto a destra della tua pagina, vedrai quante modifiche sono attualmente in attesa di pubblicazione e il pulsante "Pubblica".

Dopo aver fatto clic su "Pubblica", le modifiche sono attive e il tag della vista Pagina appena creato passa ufficialmente i dati a Google Analytics.

Una nota importante: evitare la duplicazione dei dati.

Se utilizzi Google Tag Manager per controllare Google Analytics (che consiglio), dovrai assicurarti di rimuovere il  codice di monitoraggio di Google Analytics esistente dalle tue pagine.

E il gioco è fatto. Il tuo primo tag, che dice a GTM di inviare una visualizzazione Pagina a Google Analytics e il primo trigger, dicendo a GTM di inviare quella vista Pagina ogni volta che viene caricata una pagina.

I tag manager sono stati creati per risolvere un problema a livello aziendale.

Quando qualcuno del reparto marketing vuole installare qualcosa di semplice come un pixel di Facebook  su una pagina, deve creare un ticket e consegnare tutto al reparto tecnico. Ed in genere, non è mai una cosa veloce.

I tag manager sono stati creati per offrire al team di marketing un modo per aggiornare il proprio sito e, allo stesso tempo, alleggerire il team tecnico per concentrarsi su progetti più importanti .

Pensa a un tag manager come a una "dashboard" creata per gli operatori di marketing in modo che possano realizzare qualsiasi cosa relativa al monitoraggio dei loro risultati di marketing.

Nel 2012, Google ha annunciato il proprio gestore di tag e da allora "Google Tag Manager" è cresciuto sia negli utenti che nelle funzionalità.

Immagina di essere in grado di vedere letteralmente ogni singolo clic che accade sul tuo sito.




 

Il "perché" di Google Tag Manager

Questo è semplice: Google Tag Manager ti offre, come marketer, un nuovo livello di capacità di tracciamento.

Una volta che sai come farlo, GTM semplifica l'inserimento di pixel e gli script di tracciamento sul tuo sito, inoltre sarai in grado di personalizzare completamente i dati che vengono segnalati a Google Analytics (in modo da ottenere informazioni migliori).

GTM ti consente di bypassare il tuo sviluppatore e rende più facile taggare le azioni specifiche dei tuoi visitatori.

Come ogni nuovo strumento, c'è una curva di apprendimento. Ma alla fine, GTM ti farà risparmiare un sacco di tempo.

Il "come" di Google Tag Manager: tag e trigger

Ci sono due parti principali in GTM:

  • Tag : comunichi a GTM cosa vuoi che faccia. Ad esempio, "Invia una visualizzazione di pagina a Google Analytics."

  • Trigger : indica a GTM quando vuoi che venga attivato un tag. Ad esempio, "Ogni volta che qualcuno visita una pagina".

Prima di vedere come queste parti lavorano insieme, creiamo prima un account.

Fortunatamente, questo processo è abbastanza semplice. Visita la pagina di Google Tag Manager e accedi. Segui i passaggi per creare il tuo primo account e ti verrà chiesto di impostare un "contenitore".

In genere, creerai un contenitore per ciascun sito web che desideri monitorare.

Una volta creato il tuo account e il tuo primo contenitore, GTM ti fornirà 2 snippet di codice uno da installare in header e uno subito dopo l’apertura del tag body.

Se utilizzi un sito WordPress, puoi anche utilizzare un plug-in come il plug -in Google Tag Manager di DuracellTomi .

Facciamo una prova:

Vogliamo dire a Google Tag Manager che venga segnalata una visualizzazione Pagina a Google Analytics ogni volta che qualcuno visita una delle nostre pagine.

Ecco come impostarlo ...

Passo 1: crea un nuovo tag

Crea un nuovo tag facendo clic su "Tag" nel menu a sinistra e quindi su "Nuovo".

Google Tag Manager vorrà quindi sapere per quale tipo di prodotto desideri creare un tag. Fortunatamente, Google Analytics è profondamente integrato con GTM.

Approfittiamo di questa integrazione selezionando "Google Analytics".

Passo 2: Scegli la tua analisi

GTM ti chiederà se desideri utilizzare Universal o Classic Analytics. Ti consigliamo di utilizzare Universal Analytics. È selezionato per impostazione predefinita ed è la versione più recente di GA.

Dopo aver fatto clic su "Continua", è necessario fornire a GTM alcune informazioni su dove inviare le informazioni sulla visualizzazione della pagina.

Passo 3: Configura il tuo tag

In questo caso, dovremo digitare il nostro ID proprietà.

Passo 4: Definisci il tuo trigger

Dopo aver fatto clic su "Continua", sarà necessario definire il trigger. Ricorda, il "trigger" è il modo in cui diciamo a GTM quando deve attivare questo particolare tag.

In questo caso, vogliamo che segnali le visualizzazioni di pagina ogni volta che qualcuno visita una pagina, quindi selezioneremo "Tutte le pagine" dall'elenco di trigger incorporati elencati.

Passo 5:Crea e rinomina il tuo tag

Una volta selezionato "Tutte le pagine", faremo clic su "Crea tag".

Google Tag Manager ci chiederà un nome per il nostro nuovo Tag. Lo chiameremo "GA - Visualizzazione della pagina".

Una volta che il nostro tag è stato nominato, abbiamo solo un ultimo passaggio da completare ...

Passo 6: Pubblica il tuo tag

Google Tag Manager non trasmetterà istantaneamente le modifiche in tempo reale. Invece, proprio come quando crei un post WordPress, dovrai "Pubblicare" le tue modifiche prima che diventino live.

Nell'angolo in alto a destra della tua pagina, vedrai quante modifiche sono attualmente in attesa di pubblicazione e il pulsante "Pubblica".

Dopo aver fatto clic su "Pubblica", le modifiche sono attive e il tag della vista Pagina appena creato passa ufficialmente i dati a Google Analytics.

Una nota importante: evitare la duplicazione dei dati.

Se utilizzi Google Tag Manager per controllare Google Analytics (che consiglio), dovrai assicurarti di rimuovere il  codice di monitoraggio di Google Analytics esistente dalle tue pagine.

E il gioco è fatto. Il tuo primo tag, che dice a GTM di inviare una visualizzazione Pagina a Google Analytics e il primo trigger, dicendo a GTM di inviare quella vista Pagina ogni volta che viene caricata una pagina.


Il "come" di Google Tag Manager: variabili

Naturalmente, puoi fare molto di più con Google Tag Manager!

C'è un'altra caratteristica di GTM ... si chiamano "Variabili"

  • Variabili : sono facoltative e danno a GTM l'accesso a ulteriori informazioni che potrebbero essere necessarie per completare ciò che gli hai chiesto di fare in modo che i trigger e i tag possano fare di più.

Avrai impostato molti tag di Google Analytics, ed è sempre un problema dover cercare costantemente l'UA. Fortunatamente, puoi creare una variabile.

Lo chiameremo "My UA Tracking ID" e assegneremo il valore "UA-----".

Ecco come…

Passo 1 variabile: crea la tua variabile

Per prima cosa, seleziona "Variabili"

Una volta che sei sulla pagina "Variabili", scorri verso il basso fino alla sezione "Variabili definite dall'utente" e fai clic su "Nuovo" per creare la tua variabile.

Passo 2 variabile: scegli il tipo di variabile

Passaggio successivo, selezionare il tipo di variabile che si desidera creare. Per questo esempio, selezioneremo "Costante" poiché desideriamo impostare la nostra nuova variabile in modo che abbia lo stesso valore costante ogni volta che viene utilizzata.

Passo 3 variabile: Assegna valore e nomina la tua variabile

GTM ti chiederà quindi quale valore vuoi assegnare alla tua nuova variabile.

Una volta creata la nuova variabile, dovrai chiamarla e salvarla.

Passo variabile 4: regola il tag precedente

Ora che hai salvato la nuova variabile, regoliamo il nostro tag Pagina precedente in modo che utilizzi la variabile invece di dover digitare "UA-12345678-9" ogni volta.

Seleziona il tag "GA - Visualizzazione della pagina" che hai creato in precedenza e modifica i dettagli.

Tutto quello che devi fare è trovare l'UA # che hai inserito in precedenza e cancellarlo. Quindi, fai clic sull'icona "lego block" e verrà visualizzato un elenco di variabili che puoi utilizzare (incluso il nuovo che hai appena creato).

Passo variabile 5: pubblica la tua variabile

Ora che hai modificato il tag per utilizzare la variabile, ti consigliamo di pubblicare le tue modifiche. Fatto ciò, il tag aggiornato sostituirà automaticamente {{My UA Tracking ID}} con il tuo UA.

Ricorda che dovrai sostituire "UA-******-*" con il tuo ID proprietà di Google Analytics.