errori-e-mail


Ecco tre errori Comuni nelle nostre Campagne di E-mail Marketing:

 

1. Le decisioni maldestre per gli A / B Test

Onestamente, chi non ama eseguire un buon test A / B?

Ti senti come uno scienziato pazzo nel momento in cui preme invio.

Tuttavia, se si vedono risultati non ottimali, il nostro entusiasmo frena vorticosamente.

Questi sono alcuni errori comuni che possono danneggiare i tuoi risultati:

 1.2 La dimensione del campione troppo piccolo:

Il set di dati deve essere abbastanza grande.

Come buona regola, bisogna avere almeno 1.000 aperture per ogni prova per raggiungere la significatività statistica.

Questo vuol dire aspettare fino a quando si hanno almeno 1.000 e-mail aperte per ogni e-mail (controllo e test) prima di dichiarare un vincitore.

Inoltre, eseguire due o tre test per conferma.

 1.3 Troppe variabili:

Per ogni A / B Test , una delle cose più importanti che dovete fare è normalizzare il vostro ambiente di test per ridurre al minimo le variabili estranee come per esempio l’orario di invio. E’ facile  voler testare più di una variabile, ma la sfida è che in realtà non si conoscono gli aumenti incrementali o meno in ogni variabile.

2. Liste E-mail non aggiornate

Non mantenere le vostre liste e-mail aggiornate è un po 'come rinunciare a lavarsi i denti.Proprio come i nostri denti, la lista e-mail necessita di pulizia e cura.

La maggior parte delle registrazioni di e-mail di posta elettronica probabilmente entrano nel database attraverso un processo di opt-in (processo di registrazione). Con un solo opt-in, un nuovo utente compila un modulo web e viene automaticamente aggiunto alla tua lista di sottoscrizione. Con un doppio opt-in, un utente compila un modulo web e poi tramite una mail di conferma viene mandato con un link per confermare l'indirizzo di posta elettronica.

Molti scelgono il metodo singolo opt-in perché è più veloce e non è una seccatura per gli utenti.Tuttavia, questo metodo ha delle conseguenze come l’aumento della possibilità di ottenere alti tassi di rimbalzo, una cattiva reputazione del mittente.Ma con le corrette pratiche, è possibile ripulire il database in breve tempo per mantenere una lista e-mail corretta.

Campagne di gestione frequenze di rimbalzo soft:

Dal momento che non c’è stata la conferma che ogni nuovo indirizzo e-mail sia valida al 100%, si avrà una frequenza di rimbalzo soft o hard.Per la frequenza di rimbalzo “soft”, è possibile creare delle campagne automatizzate che puliscano tutti gli indirizzi email che fanno parte dei valori della frequenza di rimbalzo sia nel passato e in tempo reale. Ciò contribuirà a pulire le liste, aumentare i tassi di apertura, e mantenere la vostra reputazione alta.È possibile inoltre eseguire delle campagne di riattivazione da indirizzare gli abbonati che non hanno aperto la vostra mail in sei mesi o più, per determinare chi vuole ricevere ancora le vostre e-mail, così da pulire ulteriormente le vostre liste.

 3. Soggetto poco chiaro

Il soggetto deve essere coerente con il corpo dell'e-mail, in quanto determina la maggioranza dei clic.

Nessun trucco e nessuna domande su ciò che l'e-mail contiene in realtà.