data-studio-google

 

Cos'è Data Studio?

Google Data Studio è uno strumento di visualizzazione dei dati che si collega a diverse fonti. Ti consente di presentare i dati in modo chiaro e comprensibile e non c'è letteralmente alcun limite al modo in cui crei report contenenti grafici, tabelle personalizzate.

In molti trovano difficile utilizzare Google Analytics. I report non sono intuitivi e ci sono così tanti menu che ci si perde.

Con Data Studio puoi creare report semplici e belli e che hanno un senso anche per il cliente.

Data Studio vs Dashboard Personalizzata

Data Studio potrebbe sembrare molto simile alla funzione Dashboard Personalizzata, parte integrante di Google Analytics da anni.

Puoi creare rapporti di più pagine con tutte le statistiche che desideri e non hai la limitazione dei 10 widget di una Dashboard.

Non è solo una questione di estetica, è una questione di usabilità e di rendere i dati comprensibili.

Data Studio si collega a molte fonti di dati: non sei limitato ad Analytics, ma puoi collegare AdWords, Search Console, persino Twitter e Facebook (quelle non funzionano in modo nativo, ma puoi implementarli tramite terzi).

La stessa Google ti consiglia di utilizzare Data Studio. Mostra un messaggio che ti chiede di utilizzare Data Studio ogni volta che c’è la possibilità, sia nella Dashboard che in Rapporti personalizzati.

Perché utilizzare Data Studio

Generalmente viene utilizzato in tre situazioni specifiche:

Rapporti del cliente

Non importa se sei uno specialista di social media o un esperto di SEO, puoi utilizzare Data Studio per creare un rapporto automatizzato e personalizzato. Se hai un gruppo di clienti a cui offri servizi simili basta duplicare un rapporto, cambiare le fonti ed il logo e sei pronto per partire.

Rapporti interni

Il tuo capo è particolarmente interessato a come sta andando il tuo blog ed entrambi sono confusi quando devono analizzare attentamente i report in Analytics?

Uso Data Studio per tenere informato il tuo team.

Il modo migliore per impostare un report di questo tipo è chiedere a ciascun membro quali sono le domande che hanno bisogno di risposte.

Non concentrarti sulle metriche. Le persone raramente possono dire quali statistiche hanno bisogno in un rapporto, ma sicuramente sanno a quali domande hanno bisogno di rispondere.

Uso personale: il rapporto rapido sulla panoramica

Creo report di Data Studio per te stesso. Danno accesso rapido alle statistiche chiave e non hai bisogno di entrare in tre o quattro posti diversi per ottenere i dati.

Iniziare con Data Studio

Come accedere a Data Studio?

Data Studio è completamente gratuito basta disporre di un account Google. Puoi accedere da questo link.

Come interagire con i report?

Una volta effettuato l'accesso, ti suggeriamo di dare un’occhiata ai report di esempio e alle origini dati nell'account. Ti aiuteranno a prendere confidenza con Data Studio senza dover agganciare i tuoi account e fare confusione nei rapporti.

Il modo migliore per iniziare è (come suggerisce il nome) il report intitolato "Welcome to Data Studio! (Inizia qui) "È una soluzione interattiva che ti aiuterà a imparare concetti chiave e interazioni:



 

Fonti di dati e più fonti di dati

Quindi, sei pronto per connettere i tuoi dati. Il principale vantaggio di Data Studio è che ti consente di aggiungere molte fonti di informazioni come AdWords, Attribution, DoubleClick e Search Console, solo per citarne alcuni.

In sostanza, puoi collegare qualsiasi fonte che può essere esportata in Google Fogli di lavoro.

Ci sono un sacco di fonti che non fanno parte del mondo Google come Facebook e Twitter che puoi importare tramite speciali connettori come Supermetrics . È un connettore dati che ti consente di esportare dati da un gruppo di fonti su Fogli Google. Tutto questo viene fatto automaticamente,

Supermetrics ha però una prova gratuita di soli 30 giorni poi richiede un investimento mensile.

Metriche calcolate

Un'altra cosa interessante che Data Studio può fare per te è introdurre nuove metriche derivate dai tuoi dati attuali. Le metriche calcolate sono facili da usare. Fai clic sul pulsante "Crea nuova metrica" quando aggiungi le metriche a una visualizzazione. Fare clic sul segno più per aggiungere una metrica, scrivere nel nome e nella formula di calcolo.

Pianificazione del report: allineamento, dimensioni e colori

Infine, diamo un'occhiata al lato del design

Rendere la tua relazione visibilmente appetibile ha molto più a che fare con l'usabilità che con l'estetica. Ill tuo lavoro consiste nel guidare l'occhio del lettore attraverso il rapporto e assicurarti che segua il percorso che intendi tu.

Una relazione senza ordine e nessun range di colori  impostato finisce per creare confusione, perché non guida la persona che la sta esaminando.

Quindi su cosa concentrarti prima?

Il consiglio è quello di usare uno strumento di integrazione: una buon  vecchia foglio bianco. Disegna come dovrebbe apparire il tuo rapporto e penso all'allineamento e all'ordine delle informazioni. Ecco un paio di domande:

  • A cosa voglio che il pubblico si concentri prima?

  • Quali sono i dati di alto livello e quali sono i dettagli?

  • Tutto il contenuto appartiene o dovrei separarlo in qualche modo? Ricorda, i report di Data Studio possono estendersi su più pagine e questo ti aiuta a pianificare pagine di panoramica con immagini di grandi dimensioni e pagine aggiuntive per un'analisi più approfondita.

Una volta fatto, comincia a lavorare su Data Studio, aggiungendo sorgenti e visualizzazioni come pianificato. Puoi cambiare la dimensione del carattere, i colori, i bordi ed ottimizzare l'aspetto del rapporto.

Pianificazione

Prima di tutto, mi sono seduto e ho pensato a quali domande dovevano rispondere. Sto facendo un'approfondita analisi mensile dei miei contenuti, ma ora avevo bisogno di qualcosa di veloce. Le informazioni che volevo potrebbero essere suddivise in tre gruppi:

  • Cosa sta succedendo? - il traffico è in aumento o in diminuzione, le persone sono generalmente impegnate con il contenuto, si convertono (iscrivendosi alla newsletter, comprando ecc)

  • Cosa c'è di interessante? - quali contenuti indirizzano le persone al blog, quali sono le pagine di destinazione più visitate, quali coinvolgono maggiormente le persone?

  • Da dove vengono gli utenti? - quali canali funzionano per indirizzare il traffico, questo traffico di alta qualità (vale a dire le persone si impegnano?)