cosa-e-google-shopping-e-come-funziona

 

Cos'è Google Shopping e come funziona?

Google Shopping è basato su due piattaforme: AdWords e Google Merchant Center. In breve Google Merchant Center è la piattaforma dove caricare il tuo feed di prodotti mentre Google AdWords è lo strumento dove impostare le tue campagne ads.

La configurazione e la gestione degli annunci Google Shopping è abbastanza diversa dall'impostazione di annunci di testo tradizionali. Attraverso gli annunci di testo, stai creando campagne e annunci incentrati sulle parole chiave che scegli. Invece con uno strumento come Google Shopping, Google decide quando vengono visualizzati gli annunci con scheda di prodotto, tenendo in considerazione il tuo feed, il tuo sito e le tue offerte per determinare quali query di ricerca attivano i tuoi annunci.

Google Merchant Center

Come abbiamo detto Google Merchant Center è dove devi caricare il tuo feed. Da qui è anche possibile impostare facilmente le regole fiscali e di spedizione, entrambe necessarie prima di pubblicare gli annunci di Google Shopping. Un feed è semplicemente un file con i dati sui tuoi prodotti presentati in un formato che Google può leggere e comprendere.

Esistono due modi principali per creare un feed:

  • Immettendo manualmente le informazioni sul prodotto in un foglio di calcolo in base alle specifiche di Google.
  • Utilizzando un'estensione, un plug-in o un servizio che estrae i dati dal tuo sito e li formatta in modo che Google li possa capire.

Il tuo feed di dati è semplicemente l’insieme delle informazioni sui prodotti che vuoi vendere formattati in un modo che Google può leggere e capire. Come accennato in precedenza, non scegli le parole chiave per le quali vengono pubblicati gli annunci con scheda di prodotto. Google esegue la scansione del tuo feed e determina se uno o più dei tuoi prodotti sono pertinenti per una determinata query di ricerca. Quello che devi fare tu è strutturare i vari elementi del tuo feed in modo che Google possa codificarli correttamente.

La configurazione corretta del feed è importante per 3 motivi:

  1. Per presentarsi alle giuste query di ricerca

  2. Per guadagnare clic (per fare in modo che i potenziali acquirenti clicchino sui tuoi annunci)

  3. Per semplificare l'ottimizzazione e la gestione

Se hai solo pochi prodotti, puoi scegliere di creare manualmente il tuo feed utilizzando un foglio di calcolo di Google. Se hai centinaia o migliaia di prodotti, probabilmente un feed manuale è fuori questione.

Come iniziare

Per iniziare, visita www.google.com/merchants e fai clic su Iscriviti.

Ecco alcuni suggerimenti per l'impostazione del negozio.

Verifica Sito : dovrai verificare di essere il proprietario del tuo sito e richiederne l'utilizzo in Merchant Center. Questo può essere fatto direttamente da Merchant Center.

Conoscere le proprie imposte e le impostazioni di spedizione : in Impostazioni generali in Merchant Center è necessario impostare le regole fiscali e di spedizione.

Collega il Merchant Center ad AdWords : in "Impostazioni" e "AdWords" fai clic per collegarti al tuo account AdWords. Avrai bisogno di un ID AdWords a 10 cifre per collegare i due. Inoltre, devi accedere con un indirizzo email che ha accesso amministrativo sia a Merchant Center che ad AdWords.

Come impostare il tuo feed

Innanzitutto devi decidere se stai creando manualmente il feed utilizzando un modello di foglio di lavoro Google o se desideri generare automaticamente un feed utilizzando un'estensione, un'app o un servizio. Di solito il fattore determinante è la dimensione dell'inventario che si desidera promuovere.

Se l'automatismo è l'opzione migliore per te, allora hai diverse opzioni. "Automatizzato" è un po 'fuorviante in quanto il lavoro di impostazione sarà ancora in corso. Le opzioni automatizzate possono solo estrarre dai dati che sono attualmente sul tuo sito. Se i tuoi attuali titoli di prodotto, descrizioni, immagini e altri attributi non sono ottimizzati, il tuo feed automatizzato non funzionerà come dovrebbe.

Quindi creerai una pianificazione per quando il tuo feed verrà aggiornato. Questo è importante perché i feed sono impostati per scadere dopo 30 giorni. Se utilizzi un'app o un'estensione, di solito consigliamo di generare e recuperare il feed ogni giorno, in modo che non ci sia mai molto tempo tra gli aggiornamenti apportati ai prodotti sul tuo sito e quegli aggiornamenti visualizzati nel tuo feed. Se utilizzi un foglio di calcolo Google puoi impostarlo per il recupero o l'aggiornamento automatico su base regolare. Se aggiorni il prezzo sul tuo sito e non aggiorni il tuo feed, eseguirai disapprovazioni del prodotto e, se non correggi i problemi, una possibile sospensione dell'account.

Titolo del prodotto

Il titolo del tuo prodotto deve essere preciso e descrittivo o Google avrà difficoltà a sapere quando mostrare il tuo annuncio di prodotto. Il titolo del tuo prodotto è probabilmente l'elemento più importante del tuo feed.

Descrizione del prodotto

Anche se non sono importanti quanto i titoli dei tuoi prodotti, le descrizioni dei tuoi prodotti sono componenti cruciali del tuo feed. Google presta molta attenzione alle tue descrizioni per aiutarti a determinare quali parole chiave attiveranno i tuoi annunci con scheda di prodotto.

Categoria prodotto Google

Google ha creato un elenco abbastanza esauriente di categorie e sottocategorie in cui potrebbero rientrare i tuoi prodotti. Questo è un altro modo in cui Google può sapere esattamente qual è il tuo prodotto. Questo è un passaggio importante (e obbligatorio) per far visualizzare i tuoi prodotti per le query di ricerca giuste. Devi scegliere dall'elenco di categorie di Google.

Tipologia di prodotto

Questo è il livello successivo per rendere chiara la tua offerta di prodotti a Google. Se hai avuto difficoltà a trovare la giusta categoria di prodotti Google, il tuo tipo di prodotto diventa particolarmente importante. Anche se questa non è una parte obbligatoria del tuo feed, consiglio vivamente di utilizzarla e trarne il massimo.

Immagine

L'immagine è uno dei fattori più importanti per convincere qualcuno a fare clic sul tuo annuncio.

Prezzo

Mentre l'immagine attirerà l'attenzione di qualcuno, di solito è il prezzo che ha la maggiore influenza nel fare clic su qualcuno. Questo è particolarmente vero se stai vendendo il prodotto esatto che altri rivenditori stanno vendendo. Se il tuo prodotto è unico o presenta evidenti vantaggi rispetto alla concorrenza, avere un prezzo più elevato può effettivamente attirare i clic giusti.

Marca

Che si tratti del tuo marchio o della rivendita di un altro marchio, devi indicare il marchio di ogni prodotto nel tuo feed. Google richiede il marchio nella maggior parte dei casi e molti prodotti vengono ricercati per marchio. Soprattutto da parte di persone con un alto intento di acquisto.

Categorie di abbigliamento

Se vendi abbigliamento, devi fornire alcuni punti dati aggiuntivi, tra cui i seguenti. MPN e GTIN

Numero prodotto del produttore e numero di identificazione commerciale di Google. In Nord America, il GTIN è in genere il codice UPC o il numero ISBN dei libri. In passato Google richiedeva solo 2 di questi 3 campi per tutti i prodotti nel tuo feed: Brand, MPN e GTIN. Ora, GTIN è richiesto per qualsiasi prodotto a cui il produttore assegna un GTIN. Come regola generale, se si rivendono prodotti, è necessario informarsi presso il produttore di GTIN (UPC) o si potrebbero avere articoli non approvati da Google.

Imposta sulle vendite

Il modo migliore per impostare l'imposta sulle vendite è nell'impostazione generale dell'account in Google Merchant Center. Qui è possibile specificare le tariffe e gli stati in cui si addebita l'i.v.a.

Spedizione

Ancora una volta, è meglio impostare le regole in Merchant Center piuttosto che compilare i campi per ciascun prodotto. All'interno del Merchant Center puoi impostare la spedizione gratuita, la spedizione forfettaria e la spedizione calcolata dal corriere.

Altre informazioni richieste

Questi punti dati sono rapidi e facili da aggiungere, ma sono anche necessari. Se li ometti su un determinato prodotto, tale prodotto non sarà idoneo per Google Shopping.

  • Disponibilità: disponibile, non disponibile,  preorder

  • Condizione: nuovo o usato

 

Etichette personalizzate

Le etichette personalizzate sono solo a tuo vantaggio ma possono essere di grande aiuto quando cerchi di ottimizzare le offerte. Google non considera le etichette personalizzate quando determina quali query di ricerca attivano la visualizzazione degli annunci. Quando analizzi il rendimento in AdWords e apporti modifiche alle offerte, puoi raggruppare i tuoi prodotti per marca, categoria o etichetta personalizzata.

Punteggio di qualità per gli annunci con scheda di prodotto

Il punteggio di qualità è parte di ciò che rende grande AdWords. È il modo in cui Google incentiva gli inserzionisti a creare annunci e pagine di destinazione che piacciono agli utenti. Ciò porta a più clic sugli annunci e a utenti più felici. Per le campagne di annunci di testo, puoi vedere il tuo punteggio di qualità per ogni parola chiave.

Il punteggio di qualità per gli annunci di testo è determinato da 3 elementi:

  1. Il tuo CTR

  2. La pertinenza dell'annuncio

  3. La tua esperienza sulla pagina di destinazione

In che modo questo ha un impatto diretto sulle tue campagne AdWords? Il ranking dell'annuncio o la posizione in cui viene visualizzato l'annuncio nella pagina dei risultati di ricerca sono determinati da questa formula: Punteggio di qualità x CPC massimo = ranking dell'annuncio. Ciò significa che un punteggio di qualità superiore può consentire di pagare meno di un concorrente e superarlo.

Per Google Shopping la principale differenza sta nella pertinenza dei feed piuttosto che nella rilevanza dell'annuncio. Titolo del prodotto, Descrizione, Categoria prodotto, marchio e tipo di prodotto di Google che esercitano la maggiore influenza sulla pertinenza per una determinata parola chiave. Ne parlo per dare ulteriore motivazione alla creazione di un ottimo feed. I tuoi CPC a lungo termine saranno influenzati dalla qualità del tuo feed.

AdWords di Google

Ecco alcuni suggerimenti per impostare le impostazioni di base per l'esecuzione di campagne Shopping di Google.

Crea una nuova campagna: Fare clic sulla scheda "Campagne", quindi fare clic sul pulsante rosso + Campagna e selezionare "Shopping"

Assegna un nome alla tua campagna:scegli il tuo paese, scegli la tua priorità.

Hai le opzioni per impostare la tua campagna su priorità bassa, media o alta. La modifica della priorità è importante solo se hai più campagne. La priorità predefinita è bassa, che va bene per la tua prima campagna. Se pubblichi più campagne e se pubblichi lo stesso prodotto in più campagne, Google deciderà quale campagna (e l'offerta corrispondente) verrà visualizzata nei risultati di ricerca. Google mostrerà i prodotti in base alla priorità della campagna.

Reti e località: per impostazione predefinita, verrà attivata la ricerca di Google e i partner di ricerca. I partner di ricerca includono proprietà di Google come YouTube e Google Maps. Non saltare la parte relativa alla posizione o i tuoi annunci verranno visualizzati in tutto il mondo.

Offerta, budget e consegna predefiniti: l’offerta predefinita  si applica solo ai prodotti per i quali non si specifica un'offerta per un secondo momento.

Consegna, utilizzando "accelerata" anziché lo "standard" predefinito, i tuoi prodotti vengano visualizzati più velocemente e per tutte le query che Google ritiene pertinenti per te.

Collegamento di Analytics e impostazione del monitoraggio delle conversioni.

Puoi generare un codice di monitoraggio di AdWords e posizionarlo nella pagina di conferma dell'ordine. Oppure puoi impostare le conversioni da Google Analytics. In entrambi i casi, dovrai collegare Google Analytics al tuo account AdWords in modo da ottenere i dati Analytics all'interno dei dati AdWords e AdWords all'interno di Analytics.

In AdWords, fai clic sulla tua campagna Google Shopping, quindi fai clic sul gruppo di annunci della campagna Shopping. Sebbene sia possibile avere un solo gruppo di annunci nella tua campagna Shopping, è consigliabile avere più gruppi di annunci per una gestione più semplice.

Hai diverse opzioni su come dividere i tuoi prodotti, tra cui: marca, categoria, tipo di prodotto e etichetta personalizzata.

  • Marchio: Questo è auto esplicativo, ma puoi suddividere i tuoi prodotti per marchio per rendere più semplice ed aggiustare le offerte. Questo mette tutti i prodotti realizzati da un certo marchio in un gruppo. 
  • Categoria : si basa sulla categoria di prodotto Google. Queste categorie sono piuttosto ampie e potrebbero includere molti prodotti nel tuo feed in una categoria.
  • Etichetta personalizzata : puoi creare fino a cinque diverse etichette personalizzate per avere un riferimento rapido e segmentare per la gestione delle offerte.
  • Tipo di prodotto : si basa sul tipo di prodotto specificato nel feed e di solito si basa sulla tassonomia del tuo sito o sulla categoria dei breadcrumb. Questo è un ottimo modo per segmentare i prodotti in quanto rispecchierà il tuo sito in termini di categorizzazione dei prodotti.

Dovrai inoltre aggiungere un tag di remarketing al tuo sito o utilizzare Google Analytics per abilitare il remarketing. Dopo esserti registrato e una volta attivato il remarketing, puoi creare elenchi nella tua libreria condivisa.

Ecco alcuni esempi elenchi:

  • Tutti i visitatori: per ottenere un elenco di chiunque abbia già visitato il tuo sito.

  • Carrello abbandonato: per i visitatori che aggiungono un prodotto al proprio carrello e se ne vanno senza acquistare.

  • Visitatori del prodotto: coloro che sono arrivati a una pagina del prodotto sul tuo sito.

  • Acquirente precedente: coloro che hanno acquistato prima di un determinato periodo di tempo e poi non hanno più acquistato nulla.

Elenchi corrispondenza clienti

Questo tipo di elenco ti consente di caricare la tua lista email dei clienti su Google. Possono essere utili per aiutarti a indirizzare verso il tuo prodotto i clienti che hanno acquistato da te in passato, ma potrebbero cercare su Google un altro prodotto che non sanno tu vendi. O forse hanno acquistato da te in passato, ma non riescono a ricordare il tuo url o nome. L'utilizzo degli elenchi di corrispondenza clienti ti consente di fare offerte più aggressive quando qualcuno del tuo elenco cerca prodotti su Google.. 

Segmenti di pubblico simili

Google offre la possibilità di creare un pubblico simile ai comportamenti di ricerca dei tuoi clienti o simile a tutti i visitatori del sito o a qualsiasi altro elenco di remarketing. Questo ti consente di fare offerte più mirate.   

Se vuoi saperne di più si Adwords leggi anche il nostro articolo "Come funziona Google Adwords"