a-cosa-servono-i-cookies

 

Cosa sono i cookies


In informatica i cookies sono piccoli fole contenenti alcune informazioni che i siti web lasciano sui computer degli utenti che li visitano. In questo modo i siti stessi possono riconoscere gli utenti che tornano a visitarli in seguito. Di fatto si tratta di un metodo che i server utilizzano per riconoscere gli utenti, salvare le preferenze di ognuno ed offrire opzioni e prestazioni personalizzate. I cookies vengono salvati direttamente sul computer dell'utente e, ad ogni visita seguente dello stesso sito web, vengono aperti ed eventualmente modificati. Questo implica una forma di violazione della riservatezza, visto che il compito di molti cookies è tenere traccia delle abitudini di un utente web. Per questo motivo la legislazione di molti Paesi, compresa l'Italia, obbliga i siti a richiedere gli utenti un esplicito consenso all'utilizzo dei cookies. Molti siti precisano che i cookies sono utilizzati per personalizzare l'esperienza di navigazione, ma questa può avvenire anche in modo anonimo, senza salvare informazioni sulla visita. Secondo il nuovo GDPR approvato dall'Unione Europea ed in vigore anche in Italia le informazioni sugli utenti contenute nei cookies devono essere trattate e gestite come dati personali.

Come funzionano i cookies


I cookies sono file di piccolissime dimensioni, contenenti in genere soltanto una stringa di testo. Per semplificare, il cookie identifica l'utente quando accede più volte ad un sito web, senza richiedere una registrazione o un'iscrizione. Il sito ha una banca dati di tutti gli utenti non registrati, a cui è abbinato un codice. Quando un utente accede ad un sito web trasmette il codice contenuto nel suo cookie, in modo che il sito possa identificarlo fra tutti gli utenti che ha memorizzato. In questo modo, se si tratta di un sito di ecommerce, la banca dati del sito web può contenere informazioni sugli articoli visualizzati nelle sessioni precedenti. In questo modo l'homepage si aprirà per ogni particolare utente mettendo in primo piano gli articoli che, presumibilmente, sono di suo maggiore interesse. Un utente che ha visualizzato, per esempio, principalmente scarpe da donna, si vedrà presentare nei menu della homepage articoli similari o della stessa categoria, mentre chi ha visitato le pagine della tecnologia o dei giocattoli avrà homepage personalizzate in modo diverso. Navigare senza utilizzare i cookies è possibile, ma i diversi siti che si consultano abitualmente non salveranno le impostazioni predefinite dall'utente come lingua, quanti oggetti visualizzare per pagina oppure in che ordine mostrare i risultati di una ricerca. Ad ogni accesso, il sito web verrà visualizzato come se si trattasse della prima visita.


 

Diverse tipologie di informazioni contenute nei cookies


I cookies si differenziano tra loro per il tipo di informazioni che veicolano. I cookie tecnici permettono di facilitare l'accesso ad un sito, ad esempio memorizzando nome utente e password ed evitando che l'utente debba ogni volta ripeterle. I cookie statistici permettono invece ai gestori di un sito di raccogliere in forma aggregata informazioni sui suoi utenti, in modo da realizzare dei profili statistici sui suoi user. Altri cookie permettono di salvare le impostazioni preferite dell'utente, ad esempio la lingua in cui visualizzare i siti web, mentre altri tengono traccia dei banner pubblicitari aperti. Questi ultimi permettono a chi offre spazi pubblicitari sul proprio sito di visualizzare annunci personalizzati per ogni tipologia di utente, a seconda degli interessi dimostrati nelle sessioni di navigazione precedenti.

Come gestire i cookies salvati sul proprio computer


La maggior parte dei browser archiviano i cookies in un'apposita cartella di sistema. Questi possono essere eliminati o gestiti in diversi modi. Si può accedere ai cookies ed eliminarli utilizzando gli stessi tool del browser che permettono di visualizzare la cronologia di navigazione. Per l'eliminazione dei cookies è possibile utilizzare anche programmi commerciali studiati per garantire navigazioni anonime e per mantenere pulito il pc, oltre che cancellarli direttamente come file comuni accedendo alla loro cartella e svuotandola nel cestino. Al prossimo accesso ad un sito web quest'ultimo verificherà la presenza di un cookie lasciato in precedenza. Non trovandolo, tratterà l'utente come se fosse il suo primo accesso. Esistono però anche i cosiddetti zombie cookies. Questi ultimi salvano le loro informazioni in diversi punti del computer dell'utente, olter che nella cartella dedicata ai cookie. Quando questi elimina il cookie il sito web nel rileva l'assenza e provvede a ricrearlo attraverso le informazioni salvate altrove. Dall'entrata in vigore del nuovo Regolamento UE 2016/679, noto anche come GDPR (General Data Protection Regulation), l'utilizzo di cookie è stato regolato in modo molto preciso in tutti i Paesi dell'Unione. I cookie sono automaticamente bloccati finchè l'utente non concede l'esplicito consenso ad ogni sito web di utilizzarli. Il consenso deve essere dato solo al primo accesso, dopo di che verrà anch'esso salvato in un apposito cookie e quindi non verrà richiesto nelle sessioni successive.